Jimmi della collina

Jimmi non accetta di fare un lavoro onesto ma duro. Sogna di andare in messico e preferisce la scorciatoia delle rapine. Viene però beccato e passa prima del carcere minorile e poi per la comunità “la collina”. Il film, tratto dall’omonimo romanzo di Massimo Carlotto, che dalle recensioni sembra lasciar vedere la possibilità di “redenzione” rispetto alla versione cinematografica, lascia il finale aperto, quasi un trampolino di lancio per la discussione. VM 14 è un film duro che lascia una certa sensazione di inquietudine. Credo possa essere usato con i ragazzi in comunità educativa: parlando di cosa farà Jimmi (come detto il film non lo suggerisce) potrebbero raccontare di loro mentre spiegano come potrebbe proseguire la storia del protagonista