Fiore

C’è un libro molto bello di Claudio Burgio che si chiama “Non eistono ragazzi cattivi”. Questo è il tema sul quale il film credo spinga a riflettere. Tutti agiscono secondo un loro criterio di bene e di giustizia, anche se noi non lo condividiamo. Un film per gli adulti per capire meglio i giovani “difficili”, un film per i ragazzi per capire meglio che non esistono ragazzi cattivi. Appunto.
Ma qualche spunto interessante lo può dare anche per pensare a quanto davvero sia efficace il sistema carcerario per (ri)educare chi ha sbagliato.